Transformative Art: Cremacaffè Design Story

Elisa Andretti behind the scenes design events people


ENG  ·  ITA


TRANSFORMATION!

How is passion for music transformative?
Since 2014, you supported our research and shared your music and started collaborating with videos and art. So this year we brought all of you to Finland, where our little company started, to share what we got after four years of work. Katri Pulkkinen invited us to present Cremacaffè Design Story at Aalto MayDay 2018, the Sustainability Day held by Aalto School of Arts, Business & Design in Helsinki, in an attempt to map ways people are leading transformative lifestyles and practices worldwide.

When you put together people who are inspired by the same passion, is that of any consequence, planet-wise?
Yes, in the words of Sari Tähtinen, as “what emerged (from Aalto MayDay 2018) is that contemporary problems are not a result of lack of knowledge. We do have most of the knowledge we need to take better decisions. It’s the passion, though, that’s missing, the involvement on a personal level. When you share something out of your own passion, you will be able to reach out to others, open a conversation, and eventually break old patterns, if that's what is needed”.

FORMULA CREMACAFFE’

Sari Tähtinen presented our work in Finland, and is the author of Working Towards Regenerative Living. Sari acted a bit as a Crema-therapist, to extract useful informations from our journey as a company. According to her, this is our “formula”:

1) Start with personal products, just for you
2) Collaborate and share
3) Create a community where people can discuss and argue things for themselves
4) It will be the community to bring about change in an organic way.

We started making ergonomic supports for electronic devices because it was a need Andrea had as a music maker. As that one-time project developed into something larger, we realized how deep we live in a world of work and creation, and how that made us often forget about our own bodies and everything around us.
The whole concept was quite a new thing: our products spurred a conversation, criticism, and support. We kept on sharing our story by involving others, mentoring, talking publicly about our projects, and I can detect a change in the current discourse about consumption, also because of our work. Musicians talk more about well-being, materials, and the process of making and purchasing things. As a group, we all laid foundations upon a shared passion to take the conversation further, on a global scale.

Sari Tähtinen | Aalto MayDay 2018 | Helsinki, Finland

Sari Tähtinen | Aalto MayDay 2018 | Helsinki, Finland

THE NETWORK

In our two-people-working-from-Sicily journey, though, not much could be achieved without a network.

We need a local network to bring projects into existence - sourcing the wood, making the textile bags we use as packaging, finding suitable materials to repurpose. This translates in at least three different people who handle textile products; a number of suppliers for materials; shipping, which involves a number of people; and family, helping in all kind of ways, from getting the fabrics and the x-rays, to brainstorming around Sunday lunch about the stands’ rubber feet.

We also need a global network for getting the word out there that we designed a new product, improved one of our designs, etc. The network emerged organically, and having this connection with people close and far on a daily basis creates a deep, pleasant sense of thankfulness in our work. People put in the joy, and often also design advice, as design is a thing you get right with use and time - the more people pitching in, the better products we get! We are also incredibly lucky to have a global network made of artists, making music and images and sharing beautiful stories which we are part of.

HARD WORK INCLUDED

Sari says there are two kind of mindsets: 1) “Me first” and 2) “World first (since I am a part of it)”. In our world, we get constraints as a company, as we live in a fairly remote location where not all kind of materials are available, for instance. Yet, accepting those constraints gives our products an edge. They helped make the designs more imaginative, thus creating a deeper resonance with our Clients (whether they use it for making music or their kids use it to make wooden airplanes). There is a unique aesthetics that stems from it. We need to cut off anything that is not necessary, which is good for the design, and for the client’s wallet too. Once you break down the costs, quite often you get more value for this kind of products, rather than for those which might look cheaper at first sight. On a global scale, there are few pieces of each design around. There is a lot of work both in the design and production process. In this respect, handcrafted objects are a bit like a piece of art.

SICILY!

Andrea has put together a video showing some of the hand work involved in the production of Cremacaffè stands: you will see also a bit of our Sicily in it! You are welcome to visit us. We want to take all of this one step further, and we are actively working on creating a “Casa Cremacaffè” to meet face to face with you guys.
When talking about our company history, Sari said that it couldn’t have happened without Sicily. That would be at first a strange observation, as we moved back here from Finland at a time when a lot of people left because of unemployment. Yet it is quite a true one. Here, family and an informal mindset have provided us with enough freedom to try out something that could have been too risky elsewhere. Plus that vitamin D, and the beach. We are happy to take in the constraints that come with it, it’s worth it so far.

THE SECRET OF RISOTTO

I feel that Cremacaffè is like risotto. There is one person cooking, for many many people. A huge pan, where ingredients keep on being thrown in from above, and they are all quite hard to cook. It takes time, and you can’t quit stirring, or risotto will stick to the bottom of the pan and burn. The result is going to be pure entropy - you can’t see anymore what is what, it has become something entirely different - but the aroma, the taste! mmm…

Keep on stirring ;)
Elisa

Elisa Andretti, Andrea Milana, Sari Tähtinen at Aalto MayDay - Aalto Sustainability Day 2018. Presentation by Sari Tähtinen. Article by Elisa Andretti, Video by Andrea Milana. Sari Tähtinen is an architect and Manga artist based in Helsinki, Finland.

Related links:
· Aalto MayDay 2018
· Working Towards Regenerative Living


ITALIANO

TRASFORMAZIONE!

Fare musica è un’attività trasformativa?
A partire dal 2014, avete supportato la nostra ricerca e condiviso con noi la vostra musica, i vostri video e la vostra arte. Quindi quest’anno abbiamo deciso di portarvi tutti ad Helsinki, dove Katri Pulkkinen ci ha invitato a condividere la storia di Cremacaffè come parte di un movimento più grande, di cui si è discusso durante Aalto MayDay 2018 - Aalto School of Arts, Business & Design Sustainability Day 2018.

Abbiamo cominciato con una domanda - se i singoli che condividono una stessa passione diventano un gruppo che dialoga, questa cosa da sola può essere trasformativa?

Secondo Sari Tähtinen si: “quello che è emerso dalla conferenza è che i problemi che ci riguardano a scala globale non sono dovuti a una mancanza di conoscenza da parte delle persone. E’ principalmente la mancanza di coinvolgimento che impedisce che vengano risolti. Ma se tiri dentro le persone tramite le loro passioni, allora puoi aprire un dialogo, e insieme ci sono più possibilità di creare sistemi alternativi”.

FORMULA CREMACAFFE’

Durante le nostre chiacchierate, o sedute di “Crema-terapia”, Sari Tähtinen ha estratto l’essenza del nostro progetto e l’ha condensata nella presentazione Working Towards Regenerative Living per Aalto MayDay che potete trovare online.
Secondo Sari, sono questi gli elementi della “formula Cremacaffè”:

1) Creare un prodotto a partire da se’ stessi
2) Collaborare e condividere
3) Creare uno spazio di incontro dove le persone siano libere di esprimersi e di discutere
4) Lasciare che idee nuove prendano forma

Ho progettato il primo stand per Andrea, che voleva essere libero di fare musica ovunque e senza che fosse la sua schiena a farne le spese. Quando sempre più persone hanno cominciato a rispondere ai nostri progetti, ci siamo resi conto di quanto il nostro stile di vita abbia moltissimo a che fare con la tecnologia e sempre meno col proprio benessere e con quello che ci circonda. Abbiamo cominciato a parlarne, tramite il Blog ed il design, e abbiamo incontrato critiche, supporto, ma quello che importa è che abbiamo suscitato una reazione, aperto un canale tramite cui ci raggiungono persone da tutto il mondo.

Sari Tähtinen | Aalto MayDay 2018 | Helsinki, Finland

Sari Tähtinen | Aalto MayDay 2018 | Helsinki, Finland

LA RETE

Certo, in questo viaggio a due partito dalla Sicilia, non saremmo andati tanto lontano senza una rete di supporto.

La rete è locale, quando si tratta della materialità dei prodotti - il legno, le stoffe riciclate e le persone che le trasformano nel packaging che i nostri clienti amano, gli altri materiali riutilizzati che devono essere scovati e acquisiti nelle quantità e condizioni necessarie a trasformarli. In questo le nostre famiglie fanno un lavoro a tutto tondo, che si tratti di mettere a disposizione i locali, procurare le stoffe o di progettare un sistema antiscivolo per gli stand tutti intorno al pranzo della domenica.

La rete è globale su internet, ed è importantissima per fare conoscere i nostri prodotti e come vengono fatti. E’ un network che è emerso spontaneamente, a partire da affinità artistiche, estetiche o caratteriali. Questa rete di persone vicine e lontane ci da’ molta gioia, e un senso di gratitudine che ci accompagna durante le nostre attività quotidiane. Il supporto è morale ma ne beneficia anche il design che, come si sa, è una cosa che si raffina col tempo e con l’uso. Più persone entrano a far parte del design, con i loro consigli, più i nostri progetti resisteranno alla prova del tempo. Siamo anche molto fortunati ad avere un network globale composto principalmente da artisti, e ad essere parte delle loro storie, della loro musica e delle loro immagini.

HARD WORK INCLUDED

Sari dice che esistono due approcci diversi alla vita: 1) “Prima vengo io” oppure 2) “Prima il mondo (visto che io ne sono una parte)”. Il nostro mondo presenta delle limitazioni - per esempio, non tutti i materiali sono disponibili su un’isola. Se però si accettano queste limitazioni, i prodotti guadagnano in personalità - diventano qualcosa di mai visto prima - ed hanno una risonanza maggiore con i nostri clienti (o con i loro figli, quando usano i nostri stand per costruire stazioni aerospaziali di legno).
Dover eliminare tutto il non necessario fa parte delle limitazioni, ed è un grande aiuto per l’estetica dei prodotti, ma come principio ha anche un valore economico che va a beneficio dei clienti. Infatti, se si analizza il costo dei prodotti in base a come vengono realizzati, il risultato è spesso più soddisfacente per chi acquista, rispetto a prodotti a prima vista più economici.
C’è anche il valore aggiunto di avere solo pochi pezzi di uno stesso design in giro per il pianeta, e la consapevolezza del tempo necessario a realizzarli sia in termini di progettazione che di lavoro manuale - in questo, un prodotto fatto a mano (a queste condizioni) è un po' simile ad un’opera d’arte.

SICILIA!

Andrea ha preparato un video che mostra alcune fasi del lavoro che va dentro ogni vostro singolo acquisto, e nel video c’è un po' della nostra Sicilia. Proprio qui stiamo lavorando ad una “Casa Cremacaffè”, perché le persone lontane che ci hanno fatto crescere col loro affetto possano venirci a trovare!
Mentre discutevamo la nostra evoluzione come brand, Sari diceva che non sarebbe stata possibile senza la Sicilia. Sembra un’osservazione un po' fuori luogo per una piccola azienda sperimentale, visto il tasso di disoccupazione e le limitazioni logistiche del posto. In realtà è abbastanza vero. Senza la famiglia e una mentalità spontanea e informale, sarebbe stato molto più complicato assumersi i rischi che comporta avviare un progetto del genere. In più, qui abbiamo tutta la vitamina D e la spiaggia che ci serve per fare i nostri meeting. Quindi per adesso, la nostra bilancia costi-benefici dice che ne vale la pena!

COME IL RISOTTO

Pensavo che Cremacaffè è un po' come fare il risotto. C’è un solo braccio che può mescolare, ma un sacco di invitati. Quindi la pentola è enorme, e ci sono sempre nuovi ingredienti che piovono dentro, tutti difficilissimi da cucinare. Bisogna continuare a mescolare, altrimenti il risotto si attaccherà. Il risultato sarà entropia pura - non è più possibile distinguere gli ingredienti nel loro stato iniziale, si sono trasformati in qualcosa di completamente diverso - però che profumo, e che sapore!

Keep on playing ;)
Elisa
Arte, Design e Culture Trasformative: la storia di Cremacaffè Design.
A cura di Elisa Andretti, Andrea Milana, Sari Tähtinen per Aalto Mayday - Aalto Sustainability Day 2018

Link correlati:
· Aalto MayDay 2018
· Working Towards Regenerative Living


 



Older Post Newer Post


Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published